dezh-CNenfritrues

Condizioni generali di viaggio per i pacchetti turistici

Le seguenti condizioni generali di viaggio per pacchetti turistici, se effettivamente concordate, costituiscono il contenuto del contratto di pacchetto turistico tra il viaggiatore e Frobeen Touristik GmbH in qualità di tour operator. Integrano le disposizioni di legge dei §§ 651a-y BGB (codice civile) e degli articoli 250 e 252 dell'EGBGB (atto introduttivo al BGB) e le compilano. Le condizioni generali di viaggio non si applicano se il viaggiatore non ha prenotato un pacchetto turistico (ma, ad esempio, i relativi servizi di viaggio ai sensi della Sezione 651w BGB). Il viaggiatore può essere informato di conseguenza su questo.

1. Conclusione del contratto di pacchetto turistico

1.1. Quanto segue si applica a tutti i canali di prenotazione, sia tramite un agente di viaggio che direttamente con il tour operator, per telefono, online, ecc.

• La base per le offerte del tour operator sono l'annuncio di viaggio e le informazioni aggiuntive fornite dal tour operator per il rispettivo viaggio, nella misura in cui queste sono disponibili al viaggiatore al momento della prenotazione.
• Se il contenuto della conferma di viaggio del tour operator differisce dal contenuto della prenotazione, il tour operator ha fatto una nuova offerta alla quale è vincolato per un periodo di 10 giorni. Il contratto si perfeziona sulla base di questa nuova offerta se il tour operator ha segnalato la variazione rispetto alla nuova offerta e ha adempiuto ai suoi obblighi di informazione precontrattuale e il viaggiatore dichiara l'accettazione al tour operator entro il termine vincolante da espressamente dichiarando o implicitamente versando un acconto sul prezzo del viaggio.
• Le informazioni precontrattuali fornite dall'organizzatore circa le caratteristiche essenziali dei servizi turistici, il prezzo del viaggio e tutti i costi aggiuntivi, le modalità di pagamento, il numero minimo di partecipanti e le spese forfettarie di cancellazione (ai sensi dell'articolo 250 § 3 n. 1, nn. 3-5 EGBGB) solo allora non ne fanno parte del contratto di pacchetto turistico, a condizione che ciò sia stato espressamente concordato tra il viaggiatore e il tour operator.

Il viaggiatore è responsabile di tutti gli obblighi contrattuali dei compagni di viaggio per i quali effettua la prenotazione come per i propri, purché abbia accettato tale obbligo con espressa e separata dichiarazione.

1.2. Oltre alla prenotazione, che viene effettuata verbalmente, telefonicamente, per iscritto o via e-mail, vale quanto segue:
• Con la prenotazione (iscrizione al viaggio) il viaggiatore offre al tour operator una conclusione vincolante del contratto di pacchetto turistico.
• Il contratto è concluso quando l'operatore turistico riceve la conferma del viaggio. Alla conclusione del contratto o immediatamente dopo la conclusione del contratto, il tour operator invierà al viaggiatore una conferma di viaggio in conformità con i requisiti legali su un supporto dati permanente; Ciò consente al viaggiatore di mantenere inalterata la conferma di viaggio o di salvarla in modo che sia a lui accessibile entro un ragionevole periodo di tempo, ad esempio su supporto cartaceo o via e-mail. Il viaggiatore ha diritto a una conferma di viaggio in forma cartacea ai sensi dell'articolo 250 § 6 comma 1 clausola 2 EGBGB se il contratto è stato concluso alla presenza fisica simultanea di entrambe le parti contraenti o al di fuori dei locali commerciali.

1.3. Quanto segue si applica alla conclusione di un contratto per le prenotazioni nelle transazioni commerciali elettroniche (ad es. app Internet, telemedia):

• Il processo di prenotazione elettronica è spiegato al viaggiatore nella relativa domanda.
• Il viaggiatore ha la possibilità di correggere le sue voci, cancellare o reimpostare l'intero modulo di prenotazione, il cui utilizzo è spiegato.
• Sono indicate le lingue contrattuali offerte per l'attuazione della prenotazione elettronica.
• Nella misura in cui il testo del contratto viene salvato dall'operatore turistico, informerà il viaggiatore di questo e della possibilità di un successivo recupero del testo del contratto.
• Cliccando sul pulsante “prenota con obbligo di pagamento” o “ordina con obbligo di pagamento” o con una formulazione comparabile, il viaggiatore propone al tour operator la conclusione vincolante del contratto di pacchetto turistico.
• La ricezione da parte del viaggiatore della sua iscrizione al viaggio è immediatamente confermata elettronicamente.
• L'invio dell'iscrizione al viaggio premendo il pulsante non determina alcun diritto del viaggiatore alla conclusione del contratto di pacchetto turistico.
• Il contratto è concluso solo quando il viaggiatore riceve la conferma del viaggio dal tour operator, che è fatta su un supporto dati permanente. Se la conferma del viaggio avviene immediatamente dopo aver premuto il pulsante “prenota con obbligo di pagamento” o una dicitura analoga tramite la corrispondente visualizzazione diretta della conferma di viaggio sullo schermo, il contratto di pacchetto turistico è concluso con la visualizzazione di tale conferma di viaggio. In tal caso, non è necessaria una notifica provvisoria di ricezione della prenotazione, a condizione che al viaggiatore sia offerta la possibilità di salvarla su un supporto dati permanente e stampare la conferma del viaggio. La natura vincolante del contratto di pacchetto turistico, tuttavia, non dipende dal fatto che il viaggiatore utilizzi effettivamente questa opzione per il salvataggio o la stampa.
1.4. Il tour operator sottolinea che secondo le disposizioni di legge (§§ 312 comma 7, 312g comma 2 clausola 1, n. 9 BGB) per i contratti di pacchetto turistico ai sensi del § 651a e § 651c BGB conclusi a distanza (lettere, cataloghi, telefonate, fax, e-mail, sms inviati da cellulare, SMS, nonché servizi radiofonici, telematici e online), non sussiste alcun diritto di recesso, ma solo il diritto di recesso e di risoluzione previsto dalla legge, in particolare il diritto di ritiro secondo § 651h BGB. Tuttavia, esiste un diritto di recesso se il contratto per i servizi di viaggio ai sensi del § 651a BGB è stato concluso al di fuori dei locali commerciali, a meno che le trattative orali su cui si basa la conclusione del contratto non siano state eseguite su precedente ordine del viaggiatore come un consumatore; in quest'ultimo caso non sussiste alcun diritto di recesso (§§ 312g Paragrafo 2 Clausola 1, No. 9, Clausola 2 in combinato disposto con § 320 BGB).

2. ZAHLUNG

2.1. I tour operator e gli agenti di viaggio possono richiedere o accettare pagamenti sul prezzo del viaggio prima della fine del pacchetto turistico solo se esiste un contratto di protezione del denaro del cliente effettivo e il certificato di sicurezza con il nome e i dettagli di contatto della società di protezione del denaro del cliente è stato fornito al viaggiatore in modo chiaro, comprensibile ed evidenziato. Dopo la conclusione del contratto è dovuto un acconto del 20% del prezzo del viaggio a fronte della consegna del certificato di sicurezza. Il pagamento residuo è di norma dovuto 14 giorni prima dell'inizio del viaggio, a condizione che sia stato consegnato il certificato di sicurezza.

2.2. Se il viaggiatore non effettua l'acconto e/o il pagamento finale del prezzo del viaggio in conformità con le scadenze di pagamento concordate, sebbene il tour operator sia pronto e in grado di fornire correttamente i servizi contrattuali, ha adempiuto ai suoi obblighi di informazione legali e il viaggiatore non ha alcun diritto di ritenzione legale o contrattuale, il tour operator ha il diritto di recedere dal contratto di pacchetto turistico dopo un sollecito con fissazione di una scadenza e di addebitare al viaggiatore i costi di recesso in conformità con la sezione 5.1. fino al 5.6. caricare.

3. Modifiche ai servizi prima dell'inizio del viaggio

3.1. Le deviazioni delle caratteristiche essenziali dei servizi turistici dal contenuto concordato del contratto di pacchetto turistico, che si rendono necessarie dopo la conclusione del contratto e non sono state determinate dall'operatore turistico in malafede, sono consentite all'operatore turistico prima dell'inizio del viaggio , a condizione che le modifiche non siano significative e non influiscano sulla progettazione complessiva del viaggio.

3.2. Il tour operator è tenuto a informare il viaggiatore delle modifiche al servizio immediatamente dopo essere venuto a conoscenza del motivo della modifica su un supporto dati permanente, ad esempio tramite e-mail, SMS o fax, in modo chiaro, comprensibile ed evidenziato.

3.3. In caso di modifica significativa di una caratteristica essenziale di un servizio di viaggio o di deviazione dalle esigenze particolari del viaggiatore, che sono diventate parte del contratto di pacchetto turistico, il viaggiatore ha il diritto di accettare la modifica entro un termine ragionevole fissato da il tour operator contestualmente alla comunicazione della modifica o gratuitamente da Per recedere dal contratto di pacchetto turistico o per richiedere la partecipazione a un viaggio sostitutivo se il tour operator ha offerto tale viaggio.

Il viaggiatore ha la possibilità di rispondere o meno al messaggio del tour operator. Se il viaggiatore reagisce al tour operator, può accettare la modifica del contratto, richiedere la partecipazione a un viaggio sostitutivo (se gli è stato offerto) o recedere dal contratto gratuitamente. Se il viaggiatore non risponde al tour operator o non risponde entro il termine stabilito, la modifica comunicata si considera accettata. Il viaggiatore è quindi nella dichiarazione di cui alla sezione 3.2. in modo chiaro, comprensibile ed evidenziato.

3.4. Eventuali diritti di garanzia rimangono inalterati nella misura in cui i servizi modificati sono difettosi. Se il tour operator ha sostenuto costi inferiori per l'attuazione del viaggio modificato o del viaggio sostitutivo con la stessa qualità, al viaggiatore deve essere rimborsata la differenza ai sensi dell'articolo 651m (2) BGB.

4. Modifiche del prezzo dopo la conclusione del contratto

4.1. Il tour operator può effettuare aumenti di prezzo fino all'8% del prezzo del viaggio se l'aumento del prezzo del viaggio deriva direttamente da un aumento dopo la conclusione del contratto

• Aumento del prezzo per il trasporto di persone a causa di maggiori costi per carburante o altre fonti di energia,
• Aumento di tasse e altri oneri per servizi di viaggio concordati, come tasse di soggiorno, tasse portuali o aeroportuali o
• Modifica dei tassi di cambio applicabili al pacchetto in questione.

Le conseguenti modifiche al prezzo del viaggio concordato e modificato (differenza) sono calcolate in base al numero dei viaggiatori, convertite nella persona e il prezzo del viaggio viene aumentato proporzionalmente. Se il tour operator non informa il viaggiatore in modo chiaro e comprensibile via e-mail, fax, SMS, in forma cartacea, ecc. dell'aumento del prezzo, dei motivi e del calcolo entro e non oltre 20 giorni prima dell'inizio del viaggio, l'aumento di prezzo non è efficace.

4.2. Se l'importo specificato nella Sezione 4.1. aumento del prezzo riservato dell'8% del prezzo del viaggio, il tour operator non può unilateralmente, ma solo in base ai severi requisiti del § 651g BGB. Può offrire al viaggiatore un aumento di prezzo corrispondente e richiedere che il viaggiatore lo accetti entro il termine ragionevole stabilito dal tour operator o rescinde il contratto di viaggio in conformità con le disposizioni della Sezione 651g del Codice Civile tedesco (BGB).

4.3. Il viaggiatore può richiedere una riduzione del prezzo del viaggio se e nella misura in cui gli elementi elencati al punto 4.1. hanno modificato i prezzi, le tasse oi tassi di cambio menzionati dopo la conclusione del contratto e prima dell'inizio del viaggio e ciò comporta una riduzione dei costi per il tour operator. Se il viaggiatore ha pagato più dell'importo dovuto in base a questo, l'importo in eccesso deve essere rimborsato dal tour operator. Il tour operator potrà detrarre dall'importo aggiuntivo da rimborsare le spese amministrative effettivamente sostenute. Su richiesta, deve fornire al viaggiatore prova dell'importo delle spese amministrative sostenute.

5. Cancellazione da parte del viaggiatore prima dell'inizio del viaggio / spese di cancellazione / sostituzione del viaggiatore / richieste di modifica da parte del viaggiatore travel

5.1. Il viaggiatore può recedere dal contratto di pacchetto turistico in qualsiasi momento prima dell'inizio del viaggio. Le dimissioni devono essere dichiarate al tour operator. Se il viaggio è stato prenotato tramite un agente di viaggio, il recesso può essere dichiarato anche a questo agente. Si consiglia al viaggiatore di dichiarare il proprio recesso su un supporto dati permanente.

5.2. Se il viaggiatore si ritira prima dell'inizio del viaggio, il tour operator perde il diritto al prezzo del viaggio. Il tour operator può invece richiedere un adeguato risarcimento se non è responsabile del recesso o se si verificano circostanze eccezionali nel luogo di destinazione o nelle sue immediate vicinanze che pregiudichino in modo significativo l'attuazione del pacchetto turistico o il trasporto di persone verso la destinazione. Le circostanze sono inevitabili e straordinarie se non sono sotto il controllo del tour operator e le loro conseguenze non si sarebbero potute evitare anche se fossero state prese tutte le ragionevoli precauzioni.

5.3. L'importo del risarcimento è determinato dal prezzo del viaggio meno il valore delle spese risparmiate dall'operatore turistico e meno ciò che acquisisce attraverso un altro uso dei servizi di viaggio. L'importo del risarcimento deve essere giustificato dal tour operator su richiesta del viaggiatore. Il tour operator ha determinato le seguenti somme forfettarie di risarcimento, tenendo conto del periodo tra la dichiarazione di recesso e l'inizio del viaggio nonché tenendo conto del previsto risparmio di spese per il tour operator e dell'acquisizione prevista attraverso altro utilizzo di i servizi di viaggio. L'indennizzo è calcolato in base al momento del ricevimento della dichiarazione di recesso con la seguente scala di cancellazione:

Viaggio aereo con compagnia charter o di linea:
Dal giorno della prenotazione al 30° giorno prima dell'inizio del viaggio: 40% del prezzo del viaggio
Dal 29° giorno fino al 22° giorno prima dell'inizio del viaggio compreso: 80% del prezzo del viaggio
Dal 21° giorno fino al 15° giorno prima dell'inizio del viaggio compreso: 85% del prezzo del viaggio
Dal 14° giorno fino al 8° giorno prima dell'inizio del viaggio compreso: 87% del prezzo del viaggio
Dal 7° giorno fino al 4° giorno prima dell'inizio del viaggio compreso: 90% del prezzo del viaggio
dal 4° giorno al 1° giorno prima dell'inizio del viaggio: 90% del prezzo del viaggio
il giorno della partenza: 95% del prezzo del viaggio.

Viaggi con quota nave come i viaggi alle Isole Galapagos o alle Isole San Blas:
Dal giorno della prenotazione al 60° giorno prima dell'inizio del viaggio: 50% del prezzo del viaggio
Dal 59° giorno fino al 40° giorno prima dell'inizio del viaggio compreso: 85% del prezzo del viaggio
Dal 39° giorno fino al 30° giorno prima dell'inizio del viaggio compreso: 90% del prezzo del viaggio
dal 29° giorno prima dell'inizio del viaggio: 95% del prezzo del viaggio.

5.4. In ogni caso, al viaggiatore è consentito dimostrare che il congruo compenso spettante al tour operator è significativamente inferiore al compenso forfettario da lui richiesto.

5.5. Il tour operator si riserva il diritto di richiedere una compensazione calcolata individualmente invece della suddetta compensazione forfettaria. In tal caso, l'operatore turistico è tenuto a quantificare e giustificare in modo specifico il risarcimento richiesto, tenendo conto delle spese risparmiate e meno di quanto acquisisce tramite altro utilizzo dei servizi turistici.

5.6. Se il tour operator è obbligato a rimborsare il prezzo del viaggio a seguito del recesso, deve pagare immediatamente, ma comunque entro 14 giorni dal ricevimento della dichiarazione di recesso.

5.7. Il diritto legale del viaggiatore, ai sensi del § 651e BGB, di esigere dall'operatore turistico mediante notifica su un supporto dati permanente che un terzo subentri nei diritti e negli obblighi del contratto di pacchetto turistico, rimane impregiudicato dal contratto di cui sopra disposizioni. Tale dichiarazione è comunque tempestiva se pervenuta al tour operator entro e non oltre 7 giorni prima dell'inizio del viaggio.

5.8. Dopo la conclusione del contratto, il viaggiatore non ha diritto a modifiche per quanto riguarda la data del viaggio, la destinazione del viaggio, il luogo di partenza, l'alloggio o il tipo di trasporto (cambiamento della prenotazione). Ciò non si applica se la modifica della prenotazione è necessaria perché il tour operator non ha fornito al viaggiatore informazioni precontrattuali inadeguate o errate ai sensi dell'articolo 250 § 3 EGBGB; in questo caso il cambio di prenotazione è gratuito. Se, su richiesta del viaggiatore, viene comunque effettuata una riprenotazione, il tour operator può addebitare una commissione di riprenotazione, di norma

- fino a 90 giorni prima dell'inizio del viaggio: € 100,00 a viaggiatore
- fino a 45 giorni prima dell'inizio del viaggio: € 200,00 a viaggiatore
- fino a 32 giorni prima dell'inizio del viaggio: € 300,00 a viaggiatore.

Tale cambio di prenotazione è possibile solo fino al 32° giorno prima della partenza. Le richieste di cambio prenotazione da parte del viaggiatore a partire dal 31° giorno antecedente l'inizio del viaggio, ove possibile, possono essere effettuate solo dopo il recesso dal contratto di viaggio ai sensi del punto 5.1. fino al 5.6. può essere effettuato alle condizioni ivi presenti e una nuova registrazione allo stesso tempo. Questo non si applica alle richieste di cambio prenotazione che comportano solo costi minori. Le spese di elaborazione, cancellazione e cambio di prenotazione sono dovute immediatamente.

6. Risoluzione per motivi comportamentali

Il tour operator può rescindere il contratto di pacchetto turistico senza osservare un termine di preavviso, se il viaggiatore disturba in modo persistente nonostante un avvertimento da parte del tour operator o se si comporta in modo contrario al contratto in misura tale da giustificare l'immediata risoluzione del contratto. Ciò non si applica se la violazione del contratto è causata da una violazione degli obblighi di informazione dell'operatore turistico. Se il tour operator annulla, conserva il diritto al prezzo del viaggio. Deve, tuttavia, vedersi accreditare il valore delle spese risparmiate nonché quei vantaggi che ottiene utilizzando i servizi non utilizzati per altri scopi, compresi gli importi che gli sono accreditati dai fornitori di servizi.

7. Obblighi dei passeggeri di cooperare

7.1. Notifica dei vizi/richiesta di riparazione
Se il viaggio non è fornito esente da carenze di viaggio, il viaggiatore può richiedere azioni correttive. Nella misura in cui il tour operator non è stato in grado di porre rimedio alla situazione a causa di un'omessa denuncia colposa del difetto, il viaggiatore non può né far valere una riduzione del prezzo ai sensi del § 651m BGB né richieste di risarcimento ai sensi del § 651n BGB.

Il viaggiatore è tenuto a informare immediatamente il rappresentante del tour operator in loco della sua denuncia di difetti. Se un rappresentante dell'operatore turistico non è disponibile in loco e non è dovuto contrattualmente, l'operatore turistico deve essere informato di eventuali difetti di viaggio all'indirizzo di contatto fornito dall'operatore turistico. La conferma del viaggio ti informerà sulla disponibilità del rappresentante del tour operator o del suo punto di contatto locale.

Tuttavia, il viaggiatore può anche portare la denuncia dei vizi all'attenzione dell'agente di viaggio tramite il quale ha prenotato il pacchetto turistico.

Il rappresentante del tour operator è incaricato di intraprendere azioni correttive, se possibile. Tuttavia, non è autorizzato a riconoscere i reclami.

7.2. Fissare una scadenza prima della risoluzione
Se il viaggiatore desidera rescindere il contratto di pacchetto turistico a causa di un difetto di viaggio del tipo descritto nel § 651i paragrafo 2 BGB, se è significativo, ai sensi del § 651l BGB, deve prima fissare all'operatore turistico un termine ragionevole per rimediare azione. Questo non si applica solo se il rimedio viene rifiutato dal tour operator o se è richiesto un rimedio immediato.

7.3. Danni al bagaglio e ritardo nel viaggio aereo; Scadenze per la registrazione

• Si informa il viaggiatore che i danni ai bagagli ei ritardi in relazione al viaggio aereo devono essere segnalati per iscritto dal viaggiatore immediatamente alla compagnia aerea responsabile in conformità con le norme del traffico aereo mediante un rapporto danni ("PIR"). Compagnie aeree e tour operator possono rifiutare rimborsi sulla base di accordi internazionali se la denuncia dei danni non è stata completata. In caso di danneggiamento del bagaglio, la denuncia del danno deve essere presentata entro 7 giorni, in caso di ritardo del bagaglio entro 21 giorni dalla consegna del bagaglio.
• Inoltre, l'operatore turistico, il suo rappresentante o il suo punto di contatto o l'agente di viaggio devono essere informati immediatamente della perdita, del danneggiamento o dell'errore/ritardo del bagaglio. Ciò non esonera il viaggiatore dalla denuncia del danno alla compagnia aerea ("PIR") entro i termini sopra indicati.

7.4. Documenti di viaggio
Il viaggiatore deve informare il tour operator o il suo agente di viaggio tramite il quale ha prenotato il pacchetto turistico se non riceve i documenti di viaggio necessari (es. biglietto aereo, voucher hotel) entro il termine comunicato dal tour operator.

8. Limitazione di responsabilità

8.1. La responsabilità contrattuale del tour operator per danni non fisici e non colposi è limitata a tre volte il prezzo del viaggio. Eventuali ulteriori rivendicazioni ai sensi di accordi internazionali o disposizioni di legge basate su tali rimangono inalterate dalla restrizione.

8.2. Il tour operator non è responsabile per interruzioni del servizio, lesioni personali o danni alla proprietà in relazione a servizi che vengono mediati solo come servizi di terzi (ad es. escursioni) se questi servizi sono espressamente indicati nell'annuncio di viaggio e nella conferma di viaggio come terzi servizi, indicando l'identità e l'indirizzo del partner contrattuale chiaramente indicato che non fanno chiaramente parte del pacchetto turistico dell'operatore turistico e che sono stati selezionati separatamente. Le sezioni 651b, 651c, 651w e 651y BGB rimangono inalterate. Tuttavia, l'operatore turistico è responsabile se e nella misura in cui il danno al viaggiatore è stato causato dalla violazione da parte dell'operatore turistico di informazioni, chiarimenti o obblighi organizzativi.

8.3. Il viaggiatore deve avanzare pretese secondo § 651i Abs. 3 Nr. 2, da 4 a 7 BGB contro il tour operator. L'affermazione può essere effettuata anche tramite l'agente di viaggio se il pacchetto turistico è stato prenotato tramite tale agente di viaggio. Si consiglia un'affermazione su un supporto dati permanente.

8.4. Per quanto riguarda la legge sulla risoluzione delle controversie in materia di consumo, il tour operator sottolinea che non partecipa alla risoluzione volontaria delle controversie in materia di consumo. Se la risoluzione delle controversie dei consumatori diventasse obbligatoria per il tour operator dopo la stampa delle presenti Condizioni generali di viaggio, il tour operator ne informerà il viaggiatore in una forma appropriata. Il tour operator fa riferimento alla piattaforma europea di risoluzione delle controversie online per tutti i contratti di viaggio conclusi in transazioni legali elettroniche: http://ec.europa.eu/consumers/odr/

9. Obbligo di fornire informazioni sull'identità della compagnia aerea operativa

Il regolamento dell'UE sull'informazione dei passeggeri sull'identità della compagnia aerea operativa obbliga il tour operator a informare il cliente sull'identità della compagnia aerea operativa di tutti i servizi di trasporto aereo da fornire nell'ambito del viaggio prenotato al momento della prenotazione. Se la compagnia aerea operativa non è stata ancora determinata al momento della prenotazione, il tour operator è tenuto a informare il viaggiatore della compagnia aerea o delle compagnie aeree che potrebbero operare il volo oi voli. Non appena il tour operator sa quale compagnia aerea opererà il volo, deve informare il viaggiatore. Se cambia la compagnia aerea nominata al viaggiatore come compagnia aerea operativa, il tour operator deve informare il viaggiatore della modifica. Deve immediatamente adottare tutte le misure ragionevoli per garantire che il viaggiatore sia informato del cambiamento il prima possibile. L'elenco delle compagnie aeree con un divieto operativo UE (elenco comune) è disponibile sul seguente sito Web: http://ec.europa.eu/transport/modes/air/safety/air-ban/index_de.htm

10. Passaporti, visti e norme sanitarie

10.1. Il tour operator informerà il viaggiatore sui requisiti generali del passaporto e del visto, nonché sulle formalità sanitarie del paese di destinazione, comprese le scadenze approssimative per l'ottenimento di eventuali visti necessari prima della conclusione del contratto e su eventuali modifiche prima dell'inizio del viaggio.

10.2. Il viaggiatore è responsabile dell'acquisizione e del trasporto dei documenti di viaggio richiesti dalle autorità, delle eventuali vaccinazioni necessarie e del rispetto delle normative doganali e valutarie. Gli svantaggi che derivano dal mancato rispetto di queste norme, ad esempio il pagamento delle spese di annullamento, sono a carico del viaggiatore. Questo non si applica se il tour operator non ha informato, in modo inadeguato o scorretto.

10.3. L'operatore turistico non è responsabile per il rilascio tempestivo e l'accesso ai visti necessari da parte della rispettiva rappresentanza diplomatica se il viaggiatore gli ha incaricato l'appalto, a meno che l'operatore turistico non abbia violato i propri obblighi.

11. Clausola di separazione

L'inefficacia di singole disposizioni del contratto di pacchetto turistico non comporta l'inefficacia dell'intero contratto di pacchetto turistico. Lo stesso vale per le condizioni generali di viaggio di cui sopra per i pacchetti turistici.

STAND 01.03.2019

Tour operator:
Frobeen Touristik GmbH
Hermann-Burster-Weg 6
D-79219 Staufen in Breisgau
Tel .: 0049-7633-93993-60
Amministratore delegato: Christian Frobeen
iQuesto indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot Per visualizzare JavaScript deve essere acceso!
http://www.lateinamerika-spezialist.com
HRB Friburgo i.Br. 702199
ID UST: DE 233913469

Assicurazione in caso di insolvenza, certificato di sicurezza ai sensi del § 651r BGB per:

R+V Assicurazioni generali SA
Piazza Raiffeisen 1
65189 Wiesbaden
Tel: 0611-533-5859

Numero di contratto: 050 90 101062597 XNUMX XNUMX

 

© 2022 Frobeen Viaggi d'avventura.

Utilizziamo i cookie sul nostro sito web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito Web e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se vuoi consentire i cookie. Si prega di notare che se si rifiuta la richiesta, è possibile che non tutte le funzioni del sito siano disponibili.